rassegna cinema:Africa addio

Mercoledì 20 gennaio, nonostante il freddo, si è svolta la seconda serata della rassegna cinematografica. Il film presentato, Africa addio, era un documento realista e toccante sui primi anni della decolonizzazione, con i suoi effetti drammatici sulle popolazioni interessate. Girato negli anni '60, rappresentava il punto di vista di due autori italiani. Una fotografia spietata della situazione, evidentemente influenzata dall'ottica eurocentrica dei registi. Il dramma umano è universale, la Storia non ha nè vinti nè vincitori.

Il documentario di Gualtiero Jacopetti e Franco Prosperi mette in scena i disordini che nascono nell’Africa post-coloniale, dopo la ritirata dei governi francesi e inglesi e la nascita di improvvisate e violente dittature.   Il documentario fu al centro di una feroce polemica perché accusato di razzismo. In effetti Jacobetti e Prosperi mirano al sensazionale, evidenziando la presunta atrocità e arretratezza delle culture africane. Fuori dagli schemi tradizionali del racconto documentaristico, Africa Addio si basa sulla forza visiva delle immagini e sul ritmo di una colonna sonora che fa da contraltare alla crudezza della rappresentazione.     

Regia: Gualtiero Jacopetti e Franco Prosperi; sceneggiatura: Gualtiero Jacopetti e Franco Prosperi; musiche: Riz Ortolani.

 

           


"Lo schiavo che non prende la decisione di lottare per liberarsi merita completamente le sue catene" T. Sankara

Dove trovarci

Via Fratti, N. 20 (Piazza Nieri e Paolini)
55049, Viareggio (LU)

Donazioni

Dona il 5x1000 o scegli un progetto da finanzire.

Contatti

Telefono/fax: 0584/32276
E-mail: cesvium@gmail.com