ATTIVITÁ CESVIUM 2020

Relazione Bilancio Preventivo 2020

Grazie al Vostro prezioso sostegno anche durante il 2019 la nostra associazione ha potuto raggiungere importanti obiettivi.

Questo 2019 è stato molto difficile per Cesvium, che per la prima volta ha dovuto fare i conti con un nemico che sta ostacolando in tutti i modi la crescita e lo sviluppo del popolo burkinabè, che sono gli scopi principali dell'associazione. Il terrorismo si è insinuato prepotentemente nella realtà già compromessa del Burkina Faso ed ha incrinato i precari equilibri che si erano instaurati nel Paese dalla caduta della dittatura del 2014. 

Ad oggi il Burkina Faso conta mezzo milione di sfollati interni che fuggono da villaggi attaccati in nome della jihad. Come se non bastasse, questa guerra invisibile contribuisce ad accentuare le incomprensioni tra diverse etnie che si protraggono da molti anni e che ora si stanno evolvendo in veri e propri scontri tra persone appartenenti allo stesso quartiere. Lo Stato ha perso totalmente il controllo sul Nord del Paese, dichiarando a gennaio 2019 lo Stato di Emergenza. Di conseguenza le popolazioni delle aree rurali del nord, dove opera Cesvium, si sentono abbandonate dalle Autorità Locali e questo le rende, purtroppo, prede facilmente corruttibili del fondamentalismo islamico.

Tutta questa situazione, in concomitanza con il fatto che i volontari di Cesvium non possono recarsi in loco dal dicembre 2018, ha destabilizzato molto l'associazione che temeva di non riuscire a portare avanti i progetti di sviluppo. Fortunatamente i collaboratori burkinabè che lavorano con Cesvium da tanti anni e con i quali si è ormai instaurato un rapporto di reciproca stima e fiducia, hanno reso possibile il monitoraggio delle attività anche dall'Italia, intensificando la corrispondenza e inviando spesso foto, relazioni e report ben redatti.

Kouini ha accolto nel corso del 2019 più di 200 sfollati che per il momento si sono stabiliti nel villaggio e Cesvium sostiene da aprile gli acquisti di prima necessità per far fronte all'emergenza. I rifugiati beneficiano anche dei progetti realizzati dall'associazione per l'intera comunità.

Per il 2020 le attività previste mirano a dare un po' di stabilità alle popolazioni che vivono nel quadro politico sociale sopra descritto. Lo scopo principale ora è di non abbandonarli in un momento così difficile come quello che il Burkina Faso sta attraversando oggi.

L’istruzione è come sempre al centro degli interventi di Cesvium, ora più che maiAlcuni giorni fa, in occasione della Giornata Mondiale dei Diritti Umani, molti articoli riportano che in Burkina Faso, a ottobre scorso, 300mila bambini hanno visto violato il proprio diritto all’istruzione.  L’associazione continuerà, quindi, a sostenere tutta l’area educativa realizzata fino ad oggi che comprende: tre scuole materne (una ministeriale e due comunali), due scuole primarie (una con 6 aule e una con tre aule) e una scuola post-primaria. Tra i principali obiettivi in questo settore c’è quello di combattere l’abbandono scolastico, fenomeno purtroppo molto diffuso nelle aree rurali. I motivi più rilevanti sono tre: la povertà delle famiglie che non riescono a sostenere i figli a scuola e/o hanno bisogno dei figli che li aiutino nelle attività domestiche; i matrimoni forzati / precoci a causa dei quali le bambine e le ragazze non rientrano a scuola dopo le vacanze; le miniere d’oro, idealizzate dai giovani come facile fonte di guadagno e lasciano la scuola per andarci a lavorare per pochi spiccioli. Tra le tante attività e i sostegni alle scuole, Cesvium quest’anno pagherà le tasse scolastiche a tutti i bambini delle scuole elementari, agli alunni del primo anno di scuola post- primaria e alle ragazze che frequentano l’ultimo anno della scuola post-primaria.

Nell’ambito della sanità si è conclusa la seconda annualità per il progetto di Lotta alla Malnutrizione, un progetto che cresce continuamente e al quale vengono apportate migliorie nel tempo, in base alle reali necessità che emergono in loco.  Grazie a questo progetto molti bambini malnutriti e molte madri e donne in gravidanza, stanno ricevendo cibo e assistenza da parte di tutta l’equipe coinvolta nelle attività. Con l’arrivo dei rifugiati a Kouini, i casi di malnutrizione sono aumentati e Cesvium assieme a tutto il personale locale ha intensificato l’impegno e il sostegno dedicato a questo intervento. Appurato che questo progetto risponde ad una necessità sempre più in crescita sul territorio, nel 2020 sarà esteso anche al centro sanitario di Nagbingou che copre un'area molto più vasta di quella di Kouini essendo il centro sanitario più vicino al Comune. Di conseguenza aumenteranno il numero delle persone coinvolte nella realizzazione del progetto e il numero di beneficiari. Si passerà da un bacino di utenza di 2.500 beneficiari, a circa 15.000, dato che il centro sanitario di Nagbingou copre 7 villaggi dell’intera municipalità (che ha 14 villaggi). Dato il raggiungimento di risultati e necessità sempre maggiore, Cesvium deve continuare ora più che mai a sostenere questo intervento per il quale è necessario il vostro sostegno.

Il settore dell’agricoltura è l’area in cui l’associazione ha investito maggiormente nel 2019, in quanto crediamo che sia essenziale, ora più che mai, rafforzare competenze che stanno alla base del sostentamento e dell’economia di queste zone. Con i progetto di Agroforestazione con il metodo ZAÏ di Yacouba Sawadogo (contadino burkinabè di 78 anni che ha vinto nel 2018 il Premio Nobel Alternativo per la sua lotta alla desertificazione), molte famiglia hanno avuto la possibilità di affacciarsi a questa nuova tecnica che ha diversi scopi: combattere la desertificazione, rendere il suolo più fertile, migliorare e diversificare l’alimentazione e con il tempo raggiungere l’autosufficienza alimentare. Tale progetto che è attualmente in fase di replica e ampliamento, così da coinvolgere un maggior numero di beneficiari e diffondere maggiormente le nuove tecniche nella cultura dei locali, dovrà essere consolidato nel corso del prossimo anno. Altro progetto attualmente in fase di replica è la realizzazione di orti con pozzi tradizionali, che ha dato ottimi risultati e d è stato accolto con entusiasmo dalla popolazione. La realizzazione di entrambi i progetti prevede anche il coinvolgimento dei rifugiati, in modo che possano iniziare ad integrarsi e a diventare parte della comunità, ma che necessita di stimoli e verifiche perché possa anch’esso consolidarsi.

Continueremo a sostenere il progetto: “Miglioramento delle condizioni di vita e formazione socio-professionale delle Filles de Kaya” che appoggiamo dal 2017. Questa importante iniziativa accoglie bambine e ragazze fuggite dai matrimoni forzati, da loro un'istruzione e successivamente una formazione professionale per aiutarle ad inserirsi nella società e diventare autonome.

ORA PIÙ CHE MAI, è essenziale essere presenti e sostenere i settori che rispondono agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030.

I progetti di Cesvium rispondono a 15 dei 17 Obiettivi dell’Agenda 2030:

  1. Porre fine alla povertà in tutte le sue forme
  2. Azzerare la fame, realizzare la sicurezza alimentare, migliorare la nutrizione e promuovere l’agricoltura sostenibile.
  3. Garantire le condizioni di salute e il benessere per tutti a tutte le età.
  4. Offrire un’educazione di qualità, inclusiva e paritaria e promuovere le opportunità di apprendimento durante la vita per tutti L’istruzione può davvero garantire ai giovani un futuro migliore.
  5. Realizzare l’uguaglianza di genere e migliorare le condizioni di vita delle donne.
  6. Garantire la disponibilità e la gestione sostenibile di acqua e condizioni igieniche per tutti.
  7. Promuovere una crescita economica duratura, inclusiva e sostenibile, la piena e produttiva occupazione e un lavoro decoroso per tutti.
  8. Costruire infrastrutture resistenti, promuovere l’industrializzazione sostenibile e inclusiva e favorire l’innovazione.
  9. Riduzione delle disuguaglianze tra i Paesi.
  10. Rendere le città e le comunità sicure, inclusive, resistenti e sostenibili.
  11. Garantire modelli di consumo e produzione sostenibili.
  12. Fare un’azione urgente per combattere il cambiamento climatico e il suo impatto.
  13. Proteggere, ristabilire e promuovere l’uso sostenibile degli ecosistemi terrestri, la gestione sostenibile delle foreste, combattere la desertificazione, fermare e rovesciare la degradazione del territorio e arrestare la perdita della biodiversità.
  14. Promuovere società pacifiche e inclusive per lo sviluppo sostenibile, garantire a tutti l’accesso alla giustizia, realizzare istituzioni effettive, responsabili e inclusive a tutti i livelli.
  15. Rinforzare i significati dell’attuazione e rivitalizzare le collaborazioni globali per lo sviluppo sostenibile

#ORAPIÙCHEMAI dobbiamo trovare strategie per continuare a lavorare in Burkina Faso nonostante i cambiamenti e le tensioni a cui è sottoposto il Paese.

#ORAPIÙCHEMAI dobbiamo dare loro gli strumenti per uscire dalla povertà in tutte le sue forme.

#ORAPIÙCHEMAI dobbiamo impegnarci tutti per non abbandonare i nostri amici burkinabè.

 


"Lo schiavo che non prende la decisione di lottare per liberarsi merita completamente le sue catene" T. Sankara

Dove trovarci

Via Fratti, N. 20 (Piazza Nieri e Paolini)
55049, Viareggio (LU)

Donazioni

Dona il 5x1000 o scegli un progetto da finanzire.

Contatti

Telefono/fax: 0584/32276
E-mail: cesvium@gmail.com